Crema di “scarti”

Fate appassire, in un tegame dal fondo spesso, abbondante cipolla, uno spicchio d’aglio schiacciato e un po’ di peperoncino piccante. Aggiungete, dopo averli ben lavati, gli scarti e le parti meno belle delle verdure . Questi scarti sono quelli che avrete raccolti e conservati in frigo in  3-4 giorni. Le foglie ammosciate del sedano e delle insalate, lattuga e simili, le foglie esterne della verza o del cavolo cappuccio, le foglie del cavolfiore tagliuzzate, le foglie moscie del radicchio,la parte verde del porro, le parti esterne del finocchio, le coste delle foglie (le foglie, non le brattee) del carciofo, i gambi del prezzemolo…va bene tutto quello che non è marcio o rinsecchito. Aggiungete una patata a pezzi  e due carote intere, un generoso pizzico di sale, qualche ago di rosmarino. Coprite di acqua, portate a cottura. Mettete da parte la carota. Frullate e/o passate il tutto, e, separatamente passate le carote. Versate nei piatti il passato, fateci su un disegno con la crema di carote. Servite con crostini di pane raffermo soffritto. Il “disegno” potete farlo anche con uno yoghurt intero e compatto, dopo averlo un po’ lavorato con un pizzico di sale e paprica dolce in polvere. Anche se voleste, non otterrete mai due volte la stessa zuppa…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...